Verso la specie, un’indagine sul non detto

Il tempo, sostanza eterna, è funzione del movimento. Dal loro incontro nasce il ritmo, che forgiò la specie umana sin dai primordi. E che continua nella sua opera riformatrice, a dispetto dei luoghi comuni che lo vogliono ancorato ad un passato ancestrale. Ma all’ombra delle narrazioni ed illusioni che ne occultano la percezione, quale umanità si sta dischiudendo al nostro presente? “Verso la specie” sembra indagare suoni, forme, gesto e movimento per ricostruire, attraverso la danza, una prospettiva incontaminata sul non detto della Specie. Dai ritmi più semplici delle prime coreografie si assiste ad una evoluzione che disvela, passo dopo passo, non una trama ma istantanee dell’umana condizione.

Non melodie ma rumori

Procedendo nella ricognizione, non melodie ma rumori, come elementi ordinanti di una continua tensione oramai metabolizzata del vivere.  Nessuna parola, ma il linguaggio inequivocabile del corpo. Che non è diviso dalla distanza del segno dal suo referente, ma che rivela un’unità costante tra fisicità e spiritualità. Nei cerchi ricorrenti delle coreografie, niente narrazioni ma ritmi. Da cui trapelano sporadici gesti rivelatori.

Un salto nel vuoto dell’anima

Cullata da apparente normalità, da una forse ironica distanza tra sacralità, geometrie e costumi, emerge così il volto della violenza. Solo un attimo di cocente verità, un salto nel vuoto dell’anima espulsa dal coro, prima di ritornare al quotidiano divenire del ritmo.  Claudia Castellucci, Leone d’Argento alla Biennale di Venezia 2020 quale “coreografa sobria, seria, minimalista ed esigente, che lavora con sacralità alla sua arte”, con questo lavoro sembra esprimere anche il suo rapporto con la danza. Percepita come sostanza, in senso aristotelico a differenza del teatro che è rappresentazione. La danza quindi, nella sua accezione contemporanea più pura. Non più arte prestata ad una narrazione ma essa stessa espressione di verità.

Isabella Rossi

Ogni corpo è un punto di vista
il punto di vista del corpo

Through the Grapevine, coreografia per due danzatori al Festival dei Due Mondi di Spoleto il 25 giugno 2022 (con replica Read more

Common grounds
common grounds spoleto

Originariamente previsto come seconda parte del programma presentato al Festival dei Due Mondi di Spoleto 2022, Common grounds di e Read more

Le Sacre du printemps di Pina Bausch

di Isabella Rossi Al Festival dei Due Mondi di Spoleto 2022, in scena il 24 Giugno un doppio programma: Le Read more

La danza al Festival dei Due mondi edizione 2021 con la Cinderella’s di Stavropoulos

La Cinderella's di Stavropoulos ha perso la fiaba ma non la carrozza Cinderella's di Alexandros Stavropoulos, in scena con due Read more