Cacao film cult, amore e fantasia. Consigli pratici per serate cinema che spaccano

Se stai cercando qualche dritta per film sul cacao o, meglio, per cineserate al cioccolato, questo è il post giusto. Come vedrai, le vie di un cioccocinefilo sono molte. Ne esistono però di brevi: un film sul cacao ed un comodo divano. Noi preferiamo le meno brevi ma più soddisfacenti. Eh sì, anche l’amore per un cult ha i suoi tempi ed i suoi riti da rispettare. Qui proponiamo la versione completa del rito cinematografico e “sensoriale” augurandoti comunque una buona visione dei seguenti film cult a tema cacao.

Cacao film e passione, Come l’acqua per il cioccolato (1992)

Questo film messicano, diretto da Alfonso Rau, è un vero cult in altri paesi. E a ragion veduta. E’ un film pieno di passione erotica espressa anche nell’amore per il cibo. Non dimentichiamo l’ambientazione nel Messico dei primi anni del Novecento dove si sviluppa la vicenda amorosa e familiare di Tita de La Garza, perdutamente innamorata di Pedro. Como agua para chocolate è un’espressione idiomatica che descrive uno stato passionale e bollente come appunto l’acqua utilizzata per preparare della buona cioccolata. Il film,che ha incassato a suo tempo davvero tanti premi, è tratto dal romanzo d’esordio di Laura Esquivel, dal titolo Dolce come il cioccolato. E’ qui che un intero capitolo prende spunto proprio da una ricetta di cioccolata calda servita insieme ad un dolce. Adatto per una serata intima, naturalmente insieme ad una buona tazza di cioccolata bollente.

Chocolat (2000)

Adatto per molte occasioni: serata coccola tutta per sé, serata in coppia e serata con le amiche, serata con figlie e figli adolescenti o con genitori simpatici. Chocolat, diretto da Lasse Hallström, è un film romantico e un po’ didattico che insegna che la libertà e l’indipendenza delle donne sono un valore importante. In questo, molto aiuta la conoscenza dell’arte cioccolatiera. Che non rende solo indipendenti economicamente ma facilita, in generale, le relazioni. Compresa quelle amorose. Anzi, soprattutto, quelle amorose. Adatta alla visione del film è la degustazione, durante una pausa strategica, della torta di Vianne. La sopresa lascerà a bocca aperta i vostri ospiti e familiari. Poi, subito riempita da una succulenta fetta di torta.

Willy Wonka e la fabbrica del cioccolato (1971) e La Fabbrica del cioccolato (2005)

Un classico della serata in famiglia, ci fa tornare tutti un po’ bambini. Sia nella versione di Mel Stuart che in quella di Tim Burton, alluggando le mani vorremmo sfiorare quel fiume di cioccolata o saccheggiare, anche noi, l’intera fabbrica delle meraviglie al cioccolato. Guardare il film e rimanere a bocca asciutta è un’inutile tortura. Per questo, per la buona riuscita della serata, proponiamo qui l’acquisto segreto di almeno un sacchetto di dragée colorati, da offrire nel momento più propizio in pasto ai grandi e piccoli visitatori virtuali della Fabbrica del cioccolato. Ovviamente oltre ai dragée colorati ci sarebbero altri deliziosi dolcetti al cioccolato da poter presentare in questa serata: pupazzi, fiori, rametti al cioccolato o altre sorprendenti creazioni prodotte dal vostro maestro cioccolatiere di fiducia. Anche qui la sorpresa golosa vi farà conquistare il cuore degli altri cioccocinefili.

Lezioni di cioccolato (2007)

Questo film è una storia d’amore, d’altruismo e di formazione professionale. I motivi per guardarlo sono diversi, non ultimo quello dell’ambientazione cioccolatiera: la scuola del cioccolato ed i cento anni dalla fondazione della Perugina. Insomma, un film con diversi spunti e curiosità per cultori della materia. Ci sono però anche attori intriganti e gli ingredienti classici della commedia romantica. Qui, la cosa migliore è offrire un vassoio di Baci, magari anche fatti in casa, o per rapidità e passione, aquistando quelli autentici. E la degustazione insieme al film sarà ancora più divertente. Se invece vuoi diverterti ad approfondire la storia dell’alimento divino, eccoti qui una serie di articoli tutti dedicati al cioccolato.



Joker un film moralizzatore? La funzione dell’empatia nell’era di Gotham
Joaquin Phoenix è il Joker

Joker empatia pericolosa ed il rischio di emulazione. Joker campione d'incassi. Di certo non un film di genere e nemmeno Read more

Fat shaming, basta! Storia di una ghost-writer complessata che ritrova se stessa
body shaming

Fat shaming basta! Stop alla vergogna istituzionalizzata. Questa è la storia di Dietland, dove una ghost-writer obesa e complessata ritrova Read more