Ibsen vs Solness

Thomas Bernhard tra memoria e pietas. Tutta la verità su Paul e ritorno

Orsini, Bernhard, memoria e pietas. E la magia della scoperta. L’incontro tra Orsini e Bernhard che dà vita ad un grande momento di teatro. E’ tornato Umberto Orsini con il suo Nipote di Wittgenstein regalando al Cucinelli di Solomeo una prima nazionale evento. Un attore icona in sella al suo, forse, più amato cavallo di battaglia si è confermato in scena impavido e fragile maestro di virtuoso controllo. Tanto da trasformare la sua recitazione in scrittura.

Orsini, Bernhard, memoria e pietas

Orsini è Thomas Bernhard e anche il suo alterego, in bilico tra finzione e autobiografia. Ed è Thomas Bernhard in rapporto alla sua memoria. Ne rivela i segreti, accentuandone i meccanismi di prolessi e analessi. Ne sottolinea la funzione di implacabile strumento introspettivo, da cui trarre il frutto più amaro: la verità sullo stato della “sospensione” della sua umanità in rapporto all’amico Paul, personaggio scomodo e inopportuno e quindi, come programmaticamente annunciato dal titolo, condannato a vivere in ombra non solo del celebre parente ma della società tutta. Una discesa negli inferi della consapevolezza del proprio tradimento nei momenti più duri della vita dell’amico Paul.

Il salvamento è nell’opera letteraria

In questo paziente lavoro di ricostruzione, che arriva rapido e leggero nonostane l’innegabile cupezza di luoghi e situazioni, ci sono alcuni momenti di commovente bellezza ed inspirata euristica. Orsini riesce a far coincidere il personaggio storico e quello narrativo e teatrale di Thomas Bernhard in un sentimento che squarcia improvviso un orizzonte fosco, in un abbraccio che rende trasparente anche l’umanità di un grande attore. Tale slancio fa forse eco ad una pietas che ne Il nipote di Wittgenstein non è sentimento religioso, né amore patriottico o nei confronti della famiglia. Ma sembra trarre origine da una visione altra: “è dovuta alle tracce di ciò che ha vissuto e che trova nell’opera letteraria” il salvamento di ciò che altrimenti andrebbe perduto per sempre. Ovvero di quello che è umile, minimo e che rischia di perdersi nell’oblio della storia (Gianni Vattimo in: Dialettica, differenza e pensiero debole).

Salva è la mente di Bernhard

Nel monologo, che ha luogo nell’intimità di una casa, la narrazione avvolge giornate di interne memorie con pochi raggi di sole e qualche boccata di aria fresca. E procede, a tratti, nei toni distaccati di una deposizione, non negando, tuttavia, spazi ad affondi sarcastici e volteggi ironici. Salva è la mente di Bernhard, non schiavo della sua follia come il povero Paul che non la sapeva controllare. Il ruggito del re dei leoni risuona in una foresta ormai silenziosa mentre albe e tramonti si susseguono.

L’interlocutrice muta

Interlocutrice muta del suo vivere è la fedele governante, Elisabetta Piccolomini. Interprete di segni e di umori, a cui rimanere appesa. Pilastro dell’esistenza di un anziano, sempre più incapace di badare a sé e agli impulsi della sua memoria. E’ lei forse, l’unica a decifrare il contesto e a cogliere in pieno il sottotesto che si gioca tutto tra le parole usate e le verità di altri linguaggi, figli di una realtà superiore. Il nipote di Wittgenstein come fu già il Nipote di Rameau di Diderot, funge da specchio di una società. E se nel primo il nipote ne incarna i vizi volgendoli al proprio guadagno, nel secondo all’insanità delle regole di una società malata può essere contrapposta solo una follia al contrario.  

A Solomeo il respiro dell’Arte
stagione teatro cucinelli

Presentata la nuova stagione artistica 2019/20 al Teatro Cucinelli di Solomeo: torna Peter Brook con una prima nazionale italiana e Read more

Il corpo ritrovato
il corpo ritrovato

Un' altra tappa per Silvia Gribaudi ed il corpo ritrovato con la danza, tra studio del movimento e performance art, Read more

Si nota all’imbrunire una contemporanea tendenza alla distorsione
Calamaro, Orlando 2019

Si nota all'imbrunire di Lucia Calamaro in scena da martedì 29 ottobre a domenica 3 novembre al Teatro Morlacchi di Read more

Peter Brook, metateatro e vita si incontrano in “Why?”
peter brook metateatro e vita

"Why?" di Peter Brook e Marie-Hèléne Estienne: una riflessione sui tanti perchè del Teatro ed un omaggio a Vsvolod Mejerchol'd Read more

One Reply to “Thomas Bernhard tra memoria e pietas. Tutta la verità su Paul e ritorno”

Comments are closed.