Idem Abbondanza Bertoni

La scoperta di un nuovo sé

Ogni identità è la risultante di un processo metafisico intinto nel mistero e inaccessibile, o quasi, al verbo in Idem – Io contengo moltitudini – in scena il 12 Novembre al Teatro Secci di Terni

Simbiotici e soli, convulsi, viscerali, frenetici ma anche profondamente ancorati alle relazioni, gli esseri umani. Vittime del patema, che esplose nell’Urlo di Edvard Munch e sfigurò i volti dei Giocatori di Skat di Otto Dix. Preda di una moltitudine di “io” –  Uno, nessuno e centomila – ognuno con la propria istanza. A volte in spietato ed ironico contrasto con tutte le altre. Eppure, alla continua ricerca di relazione. Con un focus sulla fisiologia delle relazioni, e sul loro impatto sui corpi, si apre il ritratto di umanità vista dal suo interno che trova corpo ed espressione In Idem Io contengo moltitudini -, il nuovo lavoro della compagnia Abbondanza/Bertoni (il debutto al Festival MilanoLtre è stato il 29 settembre), in scena sabato 12 novembre al Teatro Secci di Terni.

Esplorando la frammentazione

Questo viaggio nell’identità contemporanea esplora la frammentazione dal suo lato più arduo e sfuggente: quello delle emozioni. Quattro personaggi, quattro raffinati ed instancabili interpreti (Fabio Caputo, Sara Cavalieri, Cecilia Francesca Croce, Filippo Porro) sono i protagonisti di un’avvincente coreografia (a cura di Michele Abbondanza e Antonella Bertoni) che sonda i delicati equilibri in un eterno divenire di relazioni, esterne ed interne. Perché ogni identità è la risultante di un processo metafisico intinto nel mistero e inaccessibile, o quasi, al verbo.

La danza contemporanea come mezzo espressivo privilegiato

Là dove la parola si inabissa in cliché o si perde in deserti di simboli allontanando sempre più il senso dall’espressione linguistica, la danza contemporanea diventa mezzo espressivo privilegiato. Proprio come la musica, può illuminare ogni piega dell’anima raccontandoci con un semplice gesto, un’espressione, un movimento non solo lo state of mind di un essere umano ma l’interazione tra corpo e mente che lo ha inspirato. Quante volte si può morire o sopravvivere ad un’emozione prima di riconoscere quelle sinergie relazionali capaci di sciogliere ogni cristallizzazione? Quadri di pietà, scene di parto raccontano di morti e rinascite che possono generare nuove identità e nuove esistenze alla luce di una nuova consapevolezza. Un nuovo sé che dimostra che lo strappo è ricomponibile, la frammentazione sanabile.

Isabella Rossi

Curiosità sullo spettacolo

Il sottotitolo “Io contengo moltitudini” è tratto da una poesia di Walt Withman. L’ideazione e la regia sono di Michele Abbondanza. Orlando Cainelli ha curato le elaborazioni musicali, Andrea Gentili il disegno luci. Lo spettacolo è stato prodotto dalla compagnia Abbondanza/Bertoni in partnership con l’Accademia Professionale Danza Milano – Centro ArteMente; Mibact, Provincia autonoma di Trento, Comune di Rovereto, Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto.

Il Balletto triadico di Oskar Schlemmer regala una notte cult a Spoleto

Il Balletto triadico di Oskar Schlemmer ed i 100 anni della Bauhaus A 100 anni dalla fondazione a Weimar di Read more

Nacera e la danza che libera

Intervista a Nacera Belaza, coreografa franco-algerina arrivata alla Rocca Albornoziana di Spoleto per una due giorni a lei dedicata - Read more

Il corpo ritrovato
il corpo ritrovato

Un' altra tappa per Silvia Gribaudi ed il corpo ritrovato con la danza, tra studio del movimento e performance art, Read more

Tango, che non ti passa
La commedia del Tango

Tango proibito, tangoteatro. Al Teatro dell’Accademia di Tuoro sul Trasimeno, venerdì 24 gennaio Los Guardiola. La commedia del tango. Storie Read more